Tu sei qui
Home > COPERTINA > Ravello Festival 2020 riparte con l’omaggio a Ennio Morricone

Ravello Festival 2020 riparte con l’omaggio a Ennio Morricone

Ultimo aggiornamento Thursday, 23 July, 2020   17:00

Saranno 24 gli eventi in programma al Ravello Festival 2020 dal 25 luglio al 13 settembre. Per compensare i limiti imposti dal distanziamento da Covid-19, ci saranno poi maxischermi in piazza Vescovado e, il giorno dopo, tutti i concerti saranno visibili sulla piattaforma digitale del festival. Costo di questa edizione: poco sotto i 900.000 euro, altri 370.000 andranno (a festival concluso), agli interventi strutturali per l’auditorium Niemeyer, concesso alla Fondazione Ravello per cinque anni (Il programma del Ravello Festival è sostenuto dalla Regione Campania e dal Mibac).

 “Non abbiamo voluto agire di rimessa”. E’ stato il commento di Alessio Vlad, neo nominato direttore artistico, ruolo peraltro che aveva già svolto in passato. E in effetti i nomi in cartellone non sono da poco: Riccardo Muti, Valery Gergiev, Martha Argerich, Ivan Fischer, Cecilia Bartoli, Daniele Gatti.

Andrea ed Ennio Morricone

Il concerto di apertura (sabato 25 luglio) è dedicato all’indimenticabile maestro Ennio Morricone, recentemente scomparso. Con la Roma Sinfonietta diretta dal figlio Andrea si ricorderà il suo genio artistico con le sue incredibili colonne sonore che hanno fatto anche il successo di molti film.

140 anni dalla visita di Wagner a Ravello 

L’idea della creazione di un festival musicale in Costiera amalfitana nacque nel 1953 pensando proprio a quel lontano 1880 (era il 26 maggio) quando a dorso di un mulo, il compositore tedesco, arrivò a Ravello e rapito dai giardini di Villa Rufolo, si ispirò per il suo Parsifal. Ovviamente Wagner sarà presente anche nel programma di quest’anno. “Benché l’esecuzione delle sue opere richiedano grandi organici orchestrali – ha affermato Vlad durante la conferenza stampa di presentazione – Avremo la musica da camera di Asher Fisch e Stefanie Irányi alle prese con Wagner e Liszt, e la duplice esecuzione dell’Idillio di Sigfrido nei concerti di Gatti e Fischer”. 

Il direttore russo Valery Gergiev

Tra i grandi ritorni ci sarà anche il direttore russo Valery Gergiev con la sua orchestra del Mariinsky il 29 luglio, e Fischer con la Budapest Festival Orchestra il 21 agosto, accompagnati dalla voce di Anna Prohaska. Poi due grandi pianisti: classica Marta Argerich, il 23 agosto, jazz Brad Mehldau il 13 settembre. 

La Campania è presente con l’orchestra del San Carlo che si esibirà l’8 agosto diretta da Juraj Valuha con la pianista Beatrice Rana, l’11 agosto con Marco Armiliato sul podio; con la Cappella Neapolitana diretta da Antonio Florio nel “Dido and Aeneas” di Purcell l’1 agosto con le voci di con Véronique Gens, Maria Grazia Schiavo, Mauro Borgioni e Raffaele Pe; con la Filarmonica Salernitana Giuseppe Verdi che si esibirà nell’atteso “Concerto all’Alba“, 11 agosto, quest’anno dedicato ai compositori spagnoli e diretto da Jordi Bernàcer con il pianista Javier Perianes.

Riccardo Muti sarà sul palco del Ravello Festival il 1 settembre 2020

Per Riccardo Muti, che sarà sul palco l’1 settembre, sarà la prima volta a Ravello, con l’Orchestra Cherubini e Rosa Feola; come per Gatti che debutterà sul podio della Mozart il 5 settembre; e per la Bartoli, il 18 agosto con Les Musiciens du Prince, in un concerto prodotto in collaborazione con i festival di Lucerna e di Salisburgo. 

Il Ravello Festival ancora una volta – secondo Alessio Vlad – sarà il luogo dove musicisti e artisti provenienti da tutto il mondo per quasi due mesi si riuniranno e, nel nome di quella simbolica unione tra il mondo del nord e quello del sud che la visita di Wagner ha rappresentato, celebreranno il rito che accompagna ogni esibizione che ha protagonista la musica”. 

www.ravellofestival.com. Tel. 089 858422 – boxoffice@ravellofestival.com

Il Wagner Day

Lascia un commento:

Top