Tu sei qui
Home > GLOBAL LOCAL > ABC, il progetto del Crea che valorizza erbacce e varietà locali della Campania

ABC, il progetto del Crea che valorizza erbacce e varietà locali della Campania

Ultimo aggiornamento Tuesday, 3 November, 2020   15:49

C’è una biodiversità campana che aspetta di essere ampliata, conosciuta, moltiplicata, conservata e valorizzata: è la ricchezza vera dei territori e dei suoi abitanti. Le risorse genetiche vegetali erbacee autoctone che il progetto ABC del Crea Of Pontecagnano (insieme ai partner Arca 2010, CNR, Unina e Unisa) sta catalogando, sarà presentato in modalità on line sulla piattaforma Team, mercoledì 28 ottobre dalle ore 16,30 alle 19,30. Un ruolo rilevante è dato dai coltivatori custodi della Banca del germoplasma che hanno conservato semi e conoscenze. 

Le risorse Genetiche Vegetali

Durante l’incontro si illustreranno così i principali obiettivi del progetto che sono quelli di mettere in sicurezza e aumentare le conoscenze sulle RGV (Risorse Genetiche Vegetali) delle cosiddette “erbacee campane”, assicurando negli anni la loro moltiplicazione e conservazione, così come la caratterizzazione a più livelli delle varietà locali più diffuse e che sono oggetto di percorsi di valorizzazione. “Il progetto ABC vuole così favorire il più possibile la diffusione delle conoscenze storiche e tecniche delle specie ortive, in parte dimenticate e accantonate, dalle specie moderne e ibride e che hanno invece una potenzialità spesse volte sconosciuta – si legge nel comunicato stampa –  Con questo progetto si vuole favorire  e incentivare la circolazione delle loro sementi tra gli imprenditori agricoli attraverso l’adozione di vari strumenti integrati tra loro”.

La costituzione della Rete dell’Agro Biodiversità Campana

L’obiettivo è anche quello di sensibilizzare il mondo politico e tutti gli stakeholder della biodiversità sull’importanza di una corretta conservazione e gestione di questo settore attraverso un’adesione all’accordo per la costituzione della Rete dell’Agro Biodiversità Campana. Le attività e le azioni sono rivolte a più di 30 specie e più di 300 RVG autoctone. Il progetto è finanziato dalla regione Campania grazie al PSR 2014/2020 e al finanziamento della misura 10.2.1 “Conservazione delle risorse genetiche autoctone a tutela della biodiversità.

La locandina del progetto ABC del Crea Of Pontecagnano

Il recupero del patrimonio autentico di biodiversità

Tra gli scopi principali del progetto ABC (referente delle “azioni di accompagnamento” è l’agronoma Rosa Pepe) che vede la sinergia tra Enti di Ricerca, coltivatori custodi e banca del germoplasma, c’è quello di recuperare il patrimonio autentico di biodiversità di cui è ricca la regione Campania, creando anche altre opportunità alle aziende agricole che rimetteranno in coltivazione le proprie risorse. Così come la creazione di una vera sinergia tra i vari soggetti coinvolti in grado di favorire i progetti di ricerca che si basano sulla sostenibilità ambientale e i cambiamenti climatici. Le “Risorse genetiche vegetali autoctone” hanno “geni e resistenze” che vanno messi in sicurezza, utilizzati e valorizzati nei programmi di ricerca, al fine di favorire la sostenibilità delle coltivazioni. E favorire maggiore resistenze nei riguardi delle avverse condizioni ambientali e offrire ceppi di resistenza nei riguardi delle principali avversità biotiche parassitarie. Un mondo ricco tutto ancora da far conoscere e valorizzare. 

Per iscriversi al convegno cliccare sul seguente link: https://bit.ly/33TMINP

Redazione
Articoli redatti dalla redazione di e'Costiera
http://www.ecostiera.it

Lascia un commento:

Top