Tu sei qui
Home > GLOBAL LOCAL > Emergenza Covid, la Costiera amalfitana ad un bivio

Emergenza Covid, la Costiera amalfitana ad un bivio

Ultimo aggiornamento domenica, 8 Novembre, 2020   17:30

I 13 Comuni della Costiera amalfitana hanno una popolazione complessiva di meno di 40.000 abitanti. Con il turismo azzerato le persone che circolano tra i vari Comuni sono sempre le stesse. La situazione, perciò, per tanti aspetti è paragonabile alla nave da crociera Diamond Princess dove a febbraio ci furono i primi contagi da polmonite cinese. 

Da noi le notizie certe sono che da circa un mese sono partiti i primi contagi e di giorno in giorno stanno crescendo esponenzialmente (circa 123 gli attuali positivi, ndr).

Il virus si propaga e noi proviamo semplicemente a corrergli dietro per eliminarlo. Le armi che stiamo utilizzando però sono assolutamente insufficienti

Praticamente proviamo a fare un po’ di tamponi, vediamo chi sono i positivi e li isoliamo alla meno peggio.  Intanto mentre noi procediamo con questa spaventosa lentezza, il virus, approfittando dei positivi asintomatici non individuati ed isolati, continua a propagarsi. 

E, come ben sappiamo, quando arriva da quelli tra di noi più fragili le cose si complicano maledettamente.  Quando in una guerra – e questa è esattamente una drammatica guerra – fallisce un primo Piano di difesa, c’è la necessità di passare ad un secondo Piano magari più doloroso ma almeno si prova a non arrendersi senza combattere. 

Il sindaco di Maiori, Antonio Capone

L’assenza di comunicazione da parte dell’Asl

Che il fallimento sia davvero totale è dimostrato anche dal fatto che, per motivi davvero inspiegabili, il dato aggregato dei tamponi fatti a Maiori nei giorni scorsi (fondamentale per capire il livello di propagazione), nonostante sia a conoscenza dell’Asl, come evidenziato ieri sera dal sindaco Antonio Capone, non gli è stato comunicato. 

E purtroppo gli asintomatici sommersi non individuati e non isolati stanno come sappiamo continuando a contagiare.  Questo è il motivo per cui, con ogni probabilità ci sarà la necessità di adottare provvedimenti molto simili al lockdown di marzo. 

Con la differenza che quello fu per noi all’epoca una misura di prevenzione ed adesso è un estremo tentativo di evitare l’irreparabile. 

LEGGI ANCHE:

Costiera amalfitana, Daniele Esposito: lezione Covid19, un turismo sostenibile

2020 anno horribilis, Peter Hoogstaden: crolla il turismo in Costiera amalfitana

  • “Mio caro amore”, storie di cartoline inviate da Ravello nel luglio del 1944
    RAVELLO 1944 – Antonio Cerullo, comandante del Nucleo Carabinieri Scorta Reale, scrive a sua moglie una serie di cartoline che hanno oggi un forte valore storico, nel periodo in cui i Sovrani d’Italia soggiornavano a Ravello, ospiti del Principe Riccardo di Sangro, in Villa Episcopio. La ripubblicazione di un articolo apparso sul cartaceo di E’Costiera…
  • Inchiesta Ias, da inquinamento ambientale risparmi industrie per 24 milioni
    AUGUSTA – Quante tonnellate di cancerogeni nell’ambiente sono accettabili, pur di mantenere in vita un posto di lavoro nel Petrolchimico di Priolo? Alla vecchia domanda che l’inchiesta Ias ha nuovamente reso di attualità, non c’è sindacato o politica che finora abbiano dato risposta. Non lo fa nemmeno il sindaco di Augusta, dopo giorni di afonia…
  • Megara Iblea, scavo francese scopre il porto militare greco?
    Ultimo aggiornamento martedì, 28 Giugno, 2022   12:31 AUGUSTA – La vita sociale non concentrata in un unico centro storico, ma distribuita in una corona di quartieri con relativi luoghi di culto. Che si riconoscono in un’entità amministrativa comune, per territorio e appartenenza culturale condivisi, come qualsiasi città metropolitana. Dotata di un grande porto commerciale,…
  • “ImpAct for Nature”, a Paestum giovani dell’Est per l’Europa dell’ambiente
    Ultimo aggiornamento lunedì, 20 Giugno, 2022   17:49 PAESTUM: Sono arrivati da Ucraina, Bielorussia, Armenia, Moldova e Romania, con i loro colori nazionali e la loro musica, per stare insieme ai coetanei italiani sotto l’unica bandiera dell’ambiente. Sono i 36 ragazzi che dal 6 al 16 giugno partecipano allo scambio giovanile “ImpAct for Nature”, organizzato…

Lascia un commento:

Top