Tu sei qui
Home > GLOBAL LOCAL > Emergenza Covid, la Costiera amalfitana ad un bivio

Emergenza Covid, la Costiera amalfitana ad un bivio

Ultimo aggiornamento domenica, 8 Novembre, 2020   17:30

I 13 Comuni della Costiera amalfitana hanno una popolazione complessiva di meno di 40.000 abitanti. Con il turismo azzerato le persone che circolano tra i vari Comuni sono sempre le stesse. La situazione, perciò, per tanti aspetti è paragonabile alla nave da crociera Diamond Princess dove a febbraio ci furono i primi contagi da polmonite cinese. 

Da noi le notizie certe sono che da circa un mese sono partiti i primi contagi e di giorno in giorno stanno crescendo esponenzialmente (circa 123 gli attuali positivi, ndr).

Il virus si propaga e noi proviamo semplicemente a corrergli dietro per eliminarlo. Le armi che stiamo utilizzando però sono assolutamente insufficienti

Praticamente proviamo a fare un po’ di tamponi, vediamo chi sono i positivi e li isoliamo alla meno peggio.  Intanto mentre noi procediamo con questa spaventosa lentezza, il virus, approfittando dei positivi asintomatici non individuati ed isolati, continua a propagarsi. 

E, come ben sappiamo, quando arriva da quelli tra di noi più fragili le cose si complicano maledettamente.  Quando in una guerra – e questa è esattamente una drammatica guerra – fallisce un primo Piano di difesa, c’è la necessità di passare ad un secondo Piano magari più doloroso ma almeno si prova a non arrendersi senza combattere. 

Il sindaco di Maiori, Antonio Capone

L’assenza di comunicazione da parte dell’Asl

Che il fallimento sia davvero totale è dimostrato anche dal fatto che, per motivi davvero inspiegabili, il dato aggregato dei tamponi fatti a Maiori nei giorni scorsi (fondamentale per capire il livello di propagazione), nonostante sia a conoscenza dell’Asl, come evidenziato ieri sera dal sindaco Antonio Capone, non gli è stato comunicato. 

E purtroppo gli asintomatici sommersi non individuati e non isolati stanno come sappiamo continuando a contagiare.  Questo è il motivo per cui, con ogni probabilità ci sarà la necessità di adottare provvedimenti molto simili al lockdown di marzo. 

Con la differenza che quello fu per noi all’epoca una misura di prevenzione ed adesso è un estremo tentativo di evitare l’irreparabile. 

LEGGI ANCHE:

Costiera amalfitana, Daniele Esposito: lezione Covid19, un turismo sostenibile

2020 anno horribilis, Peter Hoogstaden: crolla il turismo in Costiera amalfitana

  • Biodiversità a rischio, quattro piante in pericolo sono in Sicilia
    Su oltre 150 specie di piante presenti in Italia, 20 sono endemiche ed è la Sicilia ad averne di più rare e di più a rischio. Tredici famiglie di piante hanno poi una sola specie. Un patrimonio incredibile e vulnerabile e che rischia di scomparire.  A sostenerlo è Alessandro Chiarucci, presidente della società Botanica italiana….
  • Nobel per la Pace a due cronisti, premiato il giornalismo senza censure
    Ultimo aggiornamento lunedì, 25 Ottobre, 2021   20:45 “Il Comitato norvegese è convinto che la libertà di espressione e la libertà di informazione aiutino a garantire un pubblico informato. Questi diritti sono prerequisiti cruciali per la democrazia e per la difesa contro guerre e conflitti. L’assegnazione del Premio Nobel per la Pace a Maria Ressa…
  • In Cina per far conoscere i musei italiani: c’è Paestum e manca Amalfi
    Ultimo aggiornamento sabato, 9 Ottobre, 2021   20:35 Durante la Festa nazionale cinese, sbarca M.I.T.I.C.I, Musei Italiani in Cina, il progetto di promozione digitale per far conoscere meglio ai cinesi la cultura e le realtà museali italiane. C’è il Parco Archeologico di Paestum e Velia, i Musei Reali di Torino, il Palazzo Reale di Genova,…
  • Troppi morti sul lavoro, Giuseppe Mormile: serve cultura della sicurezza
    Ultimo aggiornamento giovedì, 7 Ottobre, 2021   22:02 Giuseppe Mormile é un ingegnere esperto in sicurezza in ambito lavorativo. Vive in Costiera amalfitana dove cerca di portare all’attenzione questo argomento, ad iniziare dai più giovani. Da anni si occupa di questo settore presso importanti aziende. E da qui ha un personale “osservatorio” su questo tema…

Lascia un commento:

Top