Tu sei qui
Home > GLOBAL LOCAL > Dietro il nuovo lockdown il boom dei casi in Costiera amalfitana

Dietro il nuovo lockdown il boom dei casi in Costiera amalfitana

Ultimo aggiornamento Friday, 27 November, 2020   16:35

È di nuovo lockdown anche in Costiera amalfitana. La decisione, pure questa volta, l’ha presa il Governo nazionale. Sono passati appena 8 mesi ma sembra un’eternità. Allora, anche da noi, quasi tutti i sindaci provarono ad aggiungere un loro personale pizzico di sale alla minestra. Ma la differenza fondamentale è che in quella fase, fino alla conclusione di metà maggio del primo lungo lockdown, la “polmonite cinese” fu semplicemente un pericolo da evitare. E per farlo, non ci si pensava due volte: perfino le parole “delazione anonima” e “caccia all’untore” non scandalizzavano più di tanto. 

A Maiori, ad esempio è rimasto ancora attaccato all’ingresso di qualche condominio il manifesto che leggete nella foto.

Comune di Maiori, manifesto datato marzo 2020

Adesso, invece, il quadro è molto diverso. Questo nuovo lockdown arriva in un contesto in cui, da fine settembre, inizio ottobre, pure dalle nostre parti sono cominciati a manifestarsi i primi casi positivi. Non solo. Da allora, ogni giorno che passa, i casi aumentano un po’ ovunque, in tutti i Comuni, nessuno escluso.

I positivi al Covid-19 in Costiera amalfitana in data 15 novembre

È ovvio che questo aumento, per chi sa minimamente come il virus si propaga ed ha visto cosa non è stato fatto, non è, purtroppo, per nulla una novità. Ma, a fronte di questa certezza, ricordiamo anche, per onestà intellettuale, che in Costiera amalfitana, fino ad oggi, abbiamo sostanzialmente due fotografie della realtà. 

L’esempio di Cetara e le “chiacchiere” degli altri Comuni

Da una parte c’è il solo Comune di Cetara dove, grazie ad una percentuale di tamponi pari al 60% della popolazione, è stato individuato ed isolato un consistente sommerso di positivi, siamo quasi al 5% degli abitanti. Non solo. In questo Comune, da fine ottobre, sono state messe a disposizione dei positivi, che hanno difficoltà ad isolarsi, delle abitazioni vuote e sono stati pure chiusi bar, ristoranti e parrucchieri. Nei restanti 12 Comuni, invece, i sindaci hanno fatto parecchie chiacchiere ma i fatti sono che ad oggi i tamponi eseguiti sono stati di gran lunga inferiori – perciò la percentuale dei positivi emersi si ferma intorno all’1% della popolazione di ciascun Comune – e di azioni da mettere in atto, per meglio isolare i positivi, nella migliore delle ipotesi, se ne sta semplicemente ancora solo parlando. Inutile dire che, per evitare rischi di impopolarità sul fronte di quella che normalmente si usa chiamare emergenza economica, finora nessun sindaco aveva neanche lontanamente messo in preventivo decisioni serie nella direzione di un lockdown. Si preferiva galleggiare o addirittura continuare a cantare sempre la stessa canzone. Per dirne solo una. Ancora ieri sera (14 novembre, ndr), Andrea Reale, sindaco di Minori e delegato alla Sanità della Conferenza dei Sindaci Costa d’Amalfi, trovava il tempo di esternare pubblici ringraziamenti al Presidente De Luca con queste affettuose parole: “……  la Costiera ti vuole bene ed i sindaci ti sono vicini”.  Solo qualcuno, pur di far vedere di aver fatto qualcosa, aveva deciso di chiudere esclusivamente Chiese e cimiteri (evidentemente avrà pensato: “tanto chi protesta?”).

La celebrazione della Santa Messa presso la Collegiata di Maiori (durante il giorno della tradizionale festa della “Madonna di Notte” che si svolge la terza domenica di novembre)

Adesso è arrivato per tutti il lockdown nazionale e, con ogni probabilità, come a marzo, faranno la corsa per farci un po’ di rimproveri e spiegarci che è cosa buona e giusta rimanere a casa. Servirà? Beh, dopo tutti questi ritardi e questo numero sicuramente preoccupante di positivi già emersi (vedi tabella), con il ridicolo ed insufficiente numero di tamponi – parliamo si e no di un centinaio al giorno – che, come sicuramente direbbe il fedele Andrea Reale, “grazie” alla Regione Campania si stanno eseguendo giornalieramente, c’ha pensato il Governo nazionale a togliere le castagne dal fuoco ai sindaci. 

Quando fallisce il Piano A

L’abbiamo già scritto: quando fallisce il Piano A, e noi, ahimè, ormai l’abbiamo capito, non siamo per nulla la Corea del Sud, sicuramente l’inevitabile Piano B è il lockdown. Ovviamente, adesso si ricomincerà a parlare di emergenza economica. Ma i sindaci potranno ben dire che loro non hanno alcuna responsabilità. Inoltre, non dimentichiamo mai che questa è una guerra e, come in tutte le guerre, sul fronte economico le cose non sono uguali per tutti. 

La crisi economica

Certo, quest’estate, per gli albergatori, i tassisti e tanti altri operatori economici, è stata sicuramente la peggiore degli ultimi 50 anni. Ma, ad esempio, per gli operatori degli stabilimenti balneari, con ogni probabilità, è stata la migliore. E per tutti i dipendenti pubblici, anche in Costiera amalfitana, non è cambiato assolutamente nulla.

Lascia un commento:

Top