Tu sei qui
Home > ERROR404.ONLINE > Gespi Augusta non solo fumi e concerti: l’inceneritore fa la discarica

Gespi Augusta non solo fumi e concerti: l’inceneritore fa la discarica

AUGUSTA – Niente più viaggi in Germania per smaltire gli scarti dell’inceneritore di Punta Cugno. I forni della Gespi elimineranno i residui della combustione proprio sotto casa, nella nuova discarica in contrada Marcellino. L’impianto di stoccaggio, da 150 mila metri cubi, accoglierà le scorie di lavorazione rientranti nella classificazione speciali pericolosi“. Si tratta di ceneri e polveri, per le quali è stata inoltre chiesta la deroga dei parametri. Un “deposito” di metalli pesanti in piena zona Sin, attaccato alla Sasol e a 5 chilometri sia da Augusta che da Melilli, sul quale gli ambientalisti vogliono vederci chiaro. Stop veleni e Rinnova Augusta chiedono espressamente “una fase di consultazione pubblica per eventuali osservazioni”. Nel loro comunicato datato 8 settembre si appellano a una legge del 2006, circa il coinvolgimento delle popolazioni per insediamenti a rischio nel territorio. “La notizia del progetto e relativa documentazione andava tempestivamente pubblicata sull’albo pretorio del Comune“, scrivono nel documento. Notando che “ciò ad oggi non è avvenuto”, e considerando che “è stata persa ancora una volta l’occasione per un reale confronto democratico fra Istituzioni e cittadinanza“.

PER APPROFONDIRE: Augusta, l’Arpa: nube di Pasquetta non è industriale, diossine non cercate

Stop veleni e Rinnova Augusta accusano il Comune sui silenzi nelle questioni ambientali.

in piedi la portavoce Cinzia Di Modica al dibattito di Stop veleni col candidato diventato sindaco Giuseppe Di Mare (terzo da destra).
copertina, l’inceneritore di Punta Cugno.

Forse l’amministrazione comunale potrebbe aver mancato su qualcosa in più del contraddittorio con gli oppositori, se è fondata l’osservazione delle associazioni circa l’assenza di pubblicità. Perché la comunicazione dell’assessorato regionale Ambiente, datata 14 luglio, recitava che “dell’avviso al pubblico dovrà essere data informazione anche nell’albo pretorio informatico del Comune di Augusta, che dovrà tempestivamente dare notizia di tale informazione a questo Servizio”. Oltre i lamentati ritardi sulle questioni ambientali – almeno quelle che interferiscono con gli investimenti – la polemica di Stop veleni e Rinnova Augusta si allarga al silenzio sulla Consulta ambiente e di tutela del territorio”. Una camera di confronto chiesta espressamente da tempo, e che adesso “poteva esercitare un ruolo importante”. Invece, aggiungono gli ecologisti, dal 22 giugno scorso “non abbiamo avuto risposta né comunicazione”. Una vicenda sulla quale Palazzo di città non ha replicato. Eppure la discarica di rifiuti industriali porta un logo che appare spesso come sponsor pure nel cartellone spettacoli del Comune.

PER APPROFONDIRE: Incendio Ecomac Augusta: finisce in Procura il disastro annunciato

Progetto di Srl nata col mini inceneritore portuale diventato grande “termodistruttore”.

Formalmente il progetto è intestato alla “Log Service“, ma si tratta di una società del gruppo che gestisce l’inceneritore. La discarica, infatti, è stata testualmente presentata “a servizio esclusivo dei rifiuti prodotti dall’impianto di termodistruzione della Gespi”. Come racconta il sito societario, si tratta di una Srl che “nasce nel 1984, dall’esperienza della cooperativa Unione marinara“. La quale, fino a quegli anni, gestiva un piccolo inceneritore portuale nella zona dei cantieri navali. Poi la decisione di ingrandirsi e la conseguente necessità di spostarsi a Punta Cugno, essendo incompatibile la permanenza in pieno centro abitato. Solo che al nascente movimento ecologista suonò stonato il sovradimensionamento dei forni, riguardo un traffico mercantile in calo costante. Un’opposizione cui diede voce in consiglio comunale il pediatra Giacinto Franco, a cui verrà poi dedicata l’aula consiliare proprio per le sue pionieristiche battaglie per l’ambiente. Il primario e Legambiente ci avevano visto giusto, perché il core business della nuova società ormai da tempo non arriva dall’attività marittima nel porto. Perciò, la vera questione sottesa alla nuova discarica riguarda quanto di questo progetto “a servizio esclusivo”, non ricalcherà successivamente la vecchia storia societaria.

PER APPROFONDIRE: Don Prisutto al premio Cidu: punto nascite chiuso per occultare malformati

Accanto Sasol un impianto di smaltimento per 11 mila metri cubi l’anno di scarti inceneriti.

sopra e sotto, estratti del progetto pubblicato sul sito della Regione.

La Srl spiega che “trova difficoltà a reperire in Sicilia, ma anche in Italia, strutture che possono ricevere i rifiuti speciali pericolosi che vengono prodotti nelle fasi di termodistruzione”. Ciò, aggiunge, “comporta l’esigenza di inviare tali scarti nelle altre nazioni della Comunità Europea“. Quindi, “l’insieme di fattori sia economici che logistici ha spinto la Log Service a presentare il progetto, in grado di coprire per oltre 14 anni il fabbisogno collegato allo smaltimento dei rifiuti prodotti dall’impianto Gespi nelle fasi di termodistruzione“. La soluzione è stata trovata a neanche due chilometri e mezzo in linea d’aria, in un limoneto abbandonato da tempo, stretto fra i serbatoi industriali e un impianto fotovoltaico. “La superficie totale dell’area che sarà interessata dal progetto, è di circa 28.600 metri quadrati”. Tuttavia, “la superficie interessata dalla discarica sarà di circa 16.000 metri quadri, e la profondità del bacino varierà da circa 15,5 metri a 16,8 metri”. Secondo il prospetto tecnico, sarà possibile “un abbancamento annuo di circa 11.000 metri cubi di rifiuti di scarto”.

PER APPROFONDIRE: Augusta, uno stadio sopra la discarica: solo copertura su pirite del Fontana

Chieste deroghe da 3 a 42 volte i valori limite per la discarica a “servizio esclusivo” di Gespi.

Dallo sbancamento nascerà “la discarica, che riceverà materiali stabilizzati provenienti dal processo di trattamento, direttamente effettuato presso lo stabilimento di Punta Cugno”. Il fascicolo tecnico pubblicato dalla Regione illustra che “tale trattamento preliminare consiste in un processo di estrazione dei metalli pesanti, e successiva stabilizzazione con calce e cemento”. Stabilizzati, ma non completamente innocui. Tanto che si chiede di derogare alle tabelle di legge riguardo ceneri pesanti e scorie, polveri di caldaia e residui prodotti dal trattamento dei fumi“. Infatti “in alcuni casi, per l’esperienza maturata dalla gestione dell’impianto di termodistruzione, tali rifiuti possono avere dei leggeri superamenti dei limiti dei 5 parametri che si richiedono in deroga”. Quei valori limite di ammissibilità richiesti in aumento, tuttavia, ai profani non sembrano riflettere l’idea di lievi sforamenti. Per alcuni composti viene chiesto di triplicare il limite massimo, in ossequio comunque alla possibilità accordata dalla normativa in determinate condizioni. Si tratta dei cloruri, elevati da 2.500 a 7.500 milligrammi per litro; dei solfati, da 5.000 a 15.000; dei solidi disciolti totali, da 10.000 a 30.000. Invece per il molibdeno la deroga richiesta è di nove volte superiore, da 1 a 9 mg/l. Mentre per il selenio, da 0,05 a 2,1 mg/l, è addirittura 42 volte la soglia base.

PER APPROFONDIRE: Legambiente: Ias disastro ambientale annunciato, le città siano parte civile
  • Augusta, qui la vita è breve pure per gli alberi: presidio contro i tagli
    AUGUSTA – “Prendi #iltuosindaco, lascia #ilmioalbero”.  Le associazioni del coordinamento Salvare Augusta si sollevano contro la “riqualificazione” della Borgata a colpi di accetta. Il 12 aprile, di prima mattina, una trentina di ambientalisti ha organizzato un…
  • Augusta, niente albo pretorio: il Comune scorda ancora la discarica
    AUGUSTA – Una nuova discarica di rifiuti speciali pericolosi a pochi chilometri dal perimetro urbano, che l’amministrazione comunale di Augusta tenta nuovamente di far passare sotto silenzio. E’ l’accusa sostanziale lanciata da Natura…
  • Premio Francesca Mansi mobilita i giovani per l’”altra mia Costiera”
    Costiera amalfitana – Dalla “chiamata alla mobilitazione” con un’iniziativa concreta che coinvolga, entro l’anno corrente, i giovani e tutta la comunità locale nella salvaguardia della Costiera amalfitana, alla possibilità di redigere in una lingua…
  • Brucoli, le ville “approvate dal Comune” 7 anni prima del nulla osta?
    AUGUSTA – C’è un “gioco di prestigio” dietro il via libera alla cementificazione nell’ameno golfo di Brucoli, arrivato lo scorso febbraio dopo vent’anni di istruttoria? Quanto ha inciso l’attestazione che il piano di…
  • McDonald’s Augusta, ok dal Cga. Di Mare si augura “buon appetito”
    AUGUSTA – Venti alberi su mille metri quadrati non fanno un “giardino pubblico“, e nemmeno un “polmone verde” se gli altri 5 mila metri sono abbandonati all’incuria dall’Ente. Neanche se appartengono a una…
  • Salvare Augusta dal Lidl davanti il camposanto: ignorato il “rispetto”
    AUGUSTA – Prima la cementificazione nel golfo di Brucoli come “atto dovuto” da parte di sindaco e assessori, adesso piena competenza alla giunta municipale per un supermercato davanti l’ingresso del cimitero monumentale. Il…
Massimo Ciccarello
Giornalista professionista

Lascia un commento:

Top