Tu sei qui
Home > ERROR404.ONLINE > Un “Errore 404” per la Libertà di stampa 2.0

Un “Errore 404” per la Libertà di stampa 2.0

Ultimo aggiornamento mercoledì, 3 Marzo, 2021   18:37

EDITORIALE – Errore 404 è un codice internet per indicare che una pagina è stata creata, ma non esiste più. Cancellata, da un programma o da un programmatore. Nell’era della comunicazione che passa dal web, dietro questa moderna mascherina del browser talvolta si nasconde l’antica maschera della Censura. Error404.online perciò è una contraddizione: “rimosso” eppure stare in Rete. Un’antinomia che oggi diventa simbolo di resistenza per la Libertà di stampa 2.0, contro ogni tentativo di censura e tentazione di autocensura.

L’assalto al diritto di cronaca e di critica è storia vecchia, nuovi sono soltanto i mezzi usati. Fake news e misinformation non sono fenomeni innocenti, né casuali. Fanno parte integrante di una sofisticata strategia di alterazione del consenso informato, mirata alla conquista del Potere senza controlli. Da raggiungere anche a costo di smantellare i tradizionali principi di civiltà, sui quali si fondano la pace internazionale e la concordia sociale. Strumenti informatici nati per esaltare la libertà di espressione, favorire il dialogo, democratizzare la conoscenza, vengono usati contro questi stessi valori. Addirittura contro gli stessi diritti umani.

Dove non sono i regimi a imporre il pensiero unico con la censura, agisce il web-squadrismo spingendo all’autocensura. Colpisce tutti, non solo i giornali; basta superare i like tollerati per un’informazione sgradita o un’opinione divergente. Hackeraggio, oscuramento social, campagne coordinate di troll e haters sono strumenti di coercizione insidiosi. A un editore creano il timore di danni economici; a un follower insinuano incertezza se condividere un influencer; a un blogger instillano la paura di restare vittima di “odiatori” anche nel mondo reale. Ai giornalisti danno però un motivo in più per non tacere. Contro ogni censura Error404.online, appunto.

ERROR404.ONLINE

  • Augusta, suona la fanfara: il Comune diventa Città
    AUGUSTA – Il sindaco Giuseppe Di Mare fa suonare la fanfara, per celebrare il titolo di “Città” con cui adesso il Comune potrà fregiarsi nella carta intestata. Si è aperta con le trombe dei bersaglieri in congedo di Santa Croce Camerina, arrivati in piazza Duomo correndo…
  • Augusta, niente più porto hub: sarà il terminal container di Catania
    AUGUSTA – Il terminal container di Catania spostato ad Augusta, per fare spazio nello scalo etneo al boom delle più remunerative linee traghetto. Mentre per Punta Cugno si spera che nell’arco di un anno decolli il traffico di rinfuse, per evitare di perdere la classificazione di…
  • Nesea: Augusta città patriarcale, boom bullismi e violenze su donne
    AUGUSTA – L’ultimo caso appena un paio d’ore prima, quando era tutto pronto per celebrare la giornata contro la violenza sulle donne. Una quarantenne costretta a scappare in una casa rifugio segreta, con l’aiuto delle volontarie di Nesea e la protezione della forze dell’ordine, per sottrarsi…
  • Augusta, cantieri persi e diserta corteo:”Di Mare ignora disoccupati”
    AUGUSTA – “Quando non si tratta di fare sponda alle aziende ma di occuparsi di semplici disoccupati, questa amministrazione Giuseppe Di Mare perde non solo i finanziamenti regionali per i cantieri lavoro, ma anche l’occasione di metterci la faccia”. Il capogruppo di area progressista Giancarlo Triberio…
  • Augusta, un polo di rifiuti industriali: in consiglio le nuove discariche
    AUGUSTA – “San Cusmano, contrada delle discariche: ma lo vogliamo aprire un dibattito pubblico sull’uso del territorio?”. Se lo sono domandato gli ambientalisti di Augusta, dopo l’ulteriore progetto per un grande impianto di smaltimento rifiuti a ridosso delle raffinerie. Un’ennesima “pattumiera industriale”, per una clientela potenzialmente…
Massimo Ciccarello
Giornalista professionista

Lascia un commento:

Top