You are here
Home > ARCHIVIO > Valico di Chiunzi, dopo 45 giorni si apre e si passa con il semaforo

Valico di Chiunzi, dopo 45 giorni si apre e si passa con il semaforo

Dopo 45 giorni riapre il Valico di Chiunzi a senso unico alternato. La Strada Provinciale 2, che collega la Costiera amalfitana con l’Agro Nocerino Sarnese e il napolitano, chiusa dal 17 settembre in seguito ad un incendio, ritorna nella sua funzionalità. E’ stato apposto un semaforo e una barriera. Per un breve tratto si viaggia ad una corsia. Dopo le proteste del Comitato “Apriamo il Valico di Chiunzi” (avrebbero manifestato sotto la sede della Provincia di Salerno) e l’ultimatum fissato per giovedì 27 ottobre, sono arrivate le rassicurazioni di apertura. Prima per il giorno 28, poi per il 30. E così tramite uno stringato comunicato stampa – visto che alcuni organi di stampa avevano annunciato un’errata data di apertura del tratto stradale – si è fatto sapere che: “Sarà riaperto oggi al traffico (30 ottobre, ndr) , a partire dalle 14, il Valico di Chiunzi.

Lo comunicano, in una nota congiunta, il commissario per l’Emergenza Idrogeologica nel territorio della provincia di Salerno Edoardo Cosenza, assessore alla Protezione civile e ai Lavori pubblici della Regione Campania, e l’assessore ai Lavori pubblici della Provincia di Salerno Marcello Feola.“È terminata – spiega la nota – la fase di rimozione e ancoraggio (tecnicamente definita di disgaggio e chiodatura) dei massi instabili che incombevano sulla strada provinciale 2. Si sta ora procedendo all’installazione della segnaletica necessaria per permettere il passaggio a senso unico alternato su di una sola corsia. Contemporaneamente proseguono i lavori per l’installazione delle barriere paramassi. Tutti gli interventi sono finanziati dal commissario per l’Emergenza Idrogeologica nel territorio della provincia di Salerno e curati dall’assessorato ai Lavori pubblici della Provincia di Salerno”. Un’apertura che alleggerisce il traffico lungo la Statale Amalfitana 163 e che fa ritornare a vivere un’intera economia che ha subito enormi danni economici durante tutto questo periodo di chiusura.

Leave a Reply

Top