You are here
Home > COPERTINA > Turchia, a Patara il progetto Digital Youth con ragazzi Acarbio

Turchia, a Patara il progetto Digital Youth con ragazzi Acarbio

A Patara, piccolo villaggio che si trova a circa 300 km da Antalya (Adalia), Turchia, si è svolto il progetto Erasmus plus Digital youth. Obiettivo dell’associazione organizzatrice, Kultur and Art , è stato quello di formare nell’ambito digitale audiovisivo, ragazzi provenienti da vari paesi europei. Il progetto ha visto partecipare quattro giovani dell’associazione ACARBIO: Federica (27), Fabio (24), Antonio (21), Rita (19). E’ Antonio De Vivo, studente di biologia a raccontarci questa esperienza e la sua prima partecipazione ad un progetto Erasmus plus

Immaginate di essere a 2245 km da casa, in un villaggio di circa cento abitanti, immerso in una pura flora mediterranea, con spiagge lunghe chilometri, dune di sabbia alte decine di metri e una brezza di terra a rinfrescare le serate. Aggiungeteci di partire con tre “sconosciuti” ragazzi italiani, per poi conoscere, su un pullman ad Antalya, una trentina di ragazzi provenienti da mezza Europa. E’ così che mi sono ritrovato l’11 ottobre, giorno della partenza per la mia prima esperienza in un progetto Erasmus plus. Mentirei se non dicessi che il primo giorno, in preda all’emozione, si è instaurato nella mia mente uno stato di lieve paura e uno strano scetticismo sulle mie capacità di creare legami con ragazzi sconosciuti, e di integrarmi all’interno di un folto gruppo.

I partecipanti a Digital Youth a Patara, Turchia

L’emozione del primo giorno ha avuto però vita breve. Giusto il tempo di formare un cerchio, prenderci per mano e presentarci, ed essa si è volatilizzata nella secca aria di Patara. “Digital youth” è un progetto Erasmus plus che mira a far avvicinare i giovani al mondo digitale, cercando di fornire nuove opportunità stuzzicando la fantasia e la creatività.Durante i giorni successivi, attraverso attività di gruppo e workshop, si è coeso il gruppo e sono emerse le nostre storie, le nostre esperienze e abilità. Di notevole interesse i workshop organizzati da vari ragazzi che, in modo divertente e coinvolgente, hanno abbracciato varie applicazioni del mondo digitale audiovisivo, tra cui: film, suono, fotografia, editor e video. Gli ultimi tre giorni sono serviti ad ideare, produrre e montare un corto da presentare l’ultima serata.
E’ stata un’esperienza unica. Ci siamo ritrovati in una mattinata a provare e girare una parte in un corto. Bello il lavoro realizzato, ma ancor più emozionante il tempo e la passione che abbiamo dedicato alla sua preparazione. Il corto è un progetto sperimentale che mira a far riflettere sul contrasto individuo/collettività creato dall’avanzare della tecnologia dei nostri tempi.

Ecco il link del lavoro che abbiamo prodotto: the power of being together 

I link degli altri video realizzati durante il progetto: The knife: https://www.youtube.com/watch?v=oY_7e_LMtZ0 ?Holy road: https://www.youtube.com/watch?v=7OX0Lifbv0k&t=3s  

Holy road:

In seguito al progetto ci saranno dei follow-up per divulgare il lavoro svolto. Come partecipanti dell’associazione ACARBIO stiamo preparando una mostra fotografica e dei work-shop che rappresentino il lavoro svolto durante il periodo passato a Patara.
Si dice sempre che l’interculturalità sia importante, ora, dopo averla testata personalmente posso solo confermare. Un grazie sentito all’associazione ACARBIO per l’opportunità che ci ha dato di vivere questa esperienza unica ed entusiasmante.

(di Antonio De Vivo)

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

Leave a Reply

Top