You are here
Home > ARCHIVIO > Scuola di Tramonti: quando leggere crea benessere

Scuola di Tramonti: quando leggere crea benessere

Leggere che…Passione 2017” organizzato dall‘Istituto Comprensivo di Tramonti, è giunto alla sua ventesima edizione. Quanti alunni avranno trovato lo stimolo giusto tanto da appassionarsi ai libri? Questa scuola della Costiera amalfitana (che va dalle materne alle secondarie di primo grado) si contraddistingue da anni – anche grazie alla dirigente scolastica Luisa Patrizia Milo – in molti settori. E’ aperta alla società e ai suoi vari aspetti. Collabora con le associazioni, crea e favorisce dialoghi. In un territorio ampio, diviso tra frazioni, insegna così ad essere uniti, dimostrando che si può collaborare anche nella diversità.

La preside Luisa Patrizia Milo e il maresciallo stazione Carabinieri di Tramonti

E così ha riunito intorno ad un tavolo (giovedì 18 maggio), oltre agli amministratori comunali (presente il vice sindaco Domenico Amatruda e l’assessore Assunta Siani), all’arma dei carabinieri, i rappresentanti delle associazioni attive in Costiera e che collaborano con la scuola (Asd Intramontes, Acarbio, Enpa, Lipu, Premio Francesca Mansi, Club per l’Unesco di Amalfi, Oratorio Anspi di Figlino, Tramonti Nuovi Orizzonti, FIBa-FIT) insieme a dirigenti e responsabili dei servizi socio-educativi dell’area come l’equipe socio-pedagogica del Piano di Zona S2, la Coop. Gea e la responsabile dei servizi sociali del comune di Tramonti, Antonella Mansi.

Leggere che passione, aula consiliare di Tramonti

L’occasione è stata data dalla premiazione degli alunni che hanno partecipato a “Leggere che…Passione 2017” e che ha visto vincitori di una targa ricordo: nella categoria “piccolissimi”: Giorgia Santelia (prima classificata, scuola dell’infanzia Pietre), Maria Luisa Giordano (seconda classificata, scuola primaria classe 2 A); nella categoria “piccoli”: Marianna Cuccurullo (prima classificata, scuola primaria classe 5B), Aniello Esposito (secondo classificato, scuola primaria classe 5 B); nella categoria “ragazzi”: Carmela Giglio (prima classificata, classe 2 A), Benedetta Giordano (seconda classificata, scuola secondaria classe 1 A).

Tramonti, alcuni dei premiati Leggere che passione 2017

Il tema da sviluppare è stato il “benessere”: così ricchi e vari i lavori degli alunni, tanto da dimostrare di saper meglio degli adulti cosa vuol dire “star bene insieme: a scuola, in famiglia, con gli amici”. Merito senz’altro anche degli insegnanti che stimolano le loro menti, e di un ambiente familiare e collettivo favorevole.

 

Tramonti, alcuni relatori Leggere che passione 2017

Quello che permette di dialogare senza steccati, in grado di mettere da parte gli egoismi e di guardare al “benessere” ad iniziare dei più piccoli. “Appare vitale una strategia d’intervento calibrata sulla realtà del luogo – si legge nell’invito del’Istituto Giovanni Pascoli – e diretta a favorire la circolazione delle idee e dei saperi, a incoraggiare la creatività e la fantasia, a suscitare la curiosità e il desiderio di conoscenza, a stimolare la comunicazione interpersonale e la riflessione interiore. Una strategia il cui fine ultimo è ampliare gli orizzonti, moltiplicare i punti di vista, valorizzare le abilità dei singoli, in altre parole: aprire le menti”.

Tramonti, alcuni relatori di Leggere che passione 2017

Il “benessere” ha così trovato le sue diverse forme, rappresentato in ognuno dei presenti. Dallo sport al salvare gli animali; dalla difesa del territorio all’imparare come si sta su un palcoscenico; dal condividere progetti con giovani di tutto il mondo all’oratorio della frazione; dal prevenire disagi familiari all’organizzare un premio ambientale. Tutti insieme fanno la collettività. E tutti insieme hanno il dovere di dare un “buon esempio” ai più piccoli. La scuola sta dimostrando di essere un vero collante con ciò che la circonda.

Leave a Reply

Top