You are here
Home > CIBO > La Cesta della Biodiversità: presentazione a Padula con la pizza grani antichi

La Cesta della Biodiversità: presentazione a Padula con la pizza grani antichi

15 luglio 2018, ore 20,30  presso la Pizzeria Luna Rossa di Michele Pizzi a Padula

E’ una vera sfida quella di mettere in rete, i prodotti della tradizione, quelli di qualità e a km0 del Cilento e Costiera amalfitana. E sarà con la “pizza della biodiversità” che sarà presentato domenica 15 luglio, alle ore 20,30 presso la Pizzeria Luna Rossa di Michele Pizzi a Padula, questo progetto de “La Cesta della Biodiversità” che vede in prima linea il Comitato dei Distretti Rurali e in Rete con la realizzazione concreta della “Filiera Rigenerativa fra Aree Interne e Protette e quelle Metropolitane in Campania”. Un esempio di come territori come il Cilento e la Costiera amalfitana e piccoli produttori, insieme ad Enti di ricerca, possano creare un percorso comune, per far crescere la conoscenza e valorizzazione, insieme alla commercializzazione delle produzioni tradizionali di qualità e di nicchia.

La “pizza della biodiversità” che sarà preparata dal maestro pizzaiolo Michele Pizzi e Antonio Langone, due volte  campione mondiale per la pizza senza glutine, rappresenta la sintesi di quello che un piatto può racchiudere: grani antichi della qualità Senatore Cappelli, farro e Gentil Rosso coltivati nell’area di Padula e macinati con mulino a pietra, aglio rosso di Sala Consilina, origano della Valle delle Orchidee di Sassano, il Re Fiascone il pomodoro antico della Costiera amalfitana e quello di Belcoro, e il carciofo bianco del Tanagro accompagnato dal vino come Pepe Rosso e vino bianco Dop di Chiara Morra.

Nasce la Cesta della Biodiversità

Antiossidanti e polifenoli, licopene e vitamina E: tanti i benefici in una singola pizza, preparata con 24 ore di lievitazione e temperatura controllata con una idratazione al 75%, con prodotti coltivati secondo tradizione e soprattutto riproducendo semi antichi che si tramandano da generazioni grazie agli agricoltori custodi.

A raccontare il lavoro di ricerca e messa in rete dei prodotti, ci sarà l’agronoma Rosa Pepe che presenterà i prodotti de  “La Cesta della Biodiversità”, l’oncologo Gerardo Siano, l’uroandrologo Luigi Montano, e Graziana Santamaria che farà un esempio pratico di misurazione energetica degli alimenti utilizzati con la procedura Geo-Bio. Un evento che racchiude prodotti a km0, sapienza antica e innovazione, prevenzione e valorizzazione. E buona musica con il violino di Mariella Pizzuti.

Il maestro pizzaiolo Michele Pizzi ideatore della pizza della biodiversità con prodotti della tradizione e di qualità

I produttori coinvolti nell’evento Pizza della biodiversità e aderenti a La Cesta della Biodiversità sono: Azienda Agricola di Michele Pizzi (olio del Certosino), Belcoro Società Cooperativa Agricola(pomodoro Belcoro), Effetto Costiera srl  (pomodoro Re Fiascone), Azienda Agricola di Rosa Pepe (vino PepeRosso), Azienda vitivinicola di Chiara Morra (vino bianco Dop), Associazione Rete Produttori del Carciofo bianco del Tanagro (cuori e crema di carciofo).

Per informazioni e prenotazioni : www.rigenerativo.it –  La Cesta della biodiversità: tel.339/5762890

Leave a Reply

Top