Torna alla homepage Torna alla homepage  
 
Torna alla homepage Sabato 05 Settembre 2015
 



 
Cerca articolo
Google
Area Riservata



Informazione Turistica
Lettere al direttore
Scrivete a
Maria Rosaria Sannino
Clicca qui

Informazioni

#2eurox10leggi: le donne propongono nei fatti la parità PDF Stampa Email
Scritto da Redazione   
Giovedì 15 Dicembre 2011 17:00
2 euro per 10 leggi

L'idea di società che cambia, così come il ruolo della donna. Ma questa trasformazione avviene con grande difficoltà in Italia, ancora legata a vecchi stereotipi che vedono contrapporsi l'uomo e la donna. Ecco allora che un gruppo di professioniste, mamme, disoccupate o in carriera, conosciutesi anche grazie a twitter, lanciano l'idea di proporre 10 leggi che facciano “giustizia” sulla disparità tra i generi.

L'idea partita dalla giornalista Manuela M.Ravasio è riuscita a coinvolgere varie professionalità sparse in tutto lo Stivale, da nord a sud: Marilisa D’Amico, Monica D'Ascenzo, Iaia Caputo, Marisa Montegiove, Alessia Mosca, Alessandra Perrazzelli , Marina Piazza , Lorella Zanardo , Stefania Boleso e tante altre che stanno dando il loro contributo in varie forme.

Nasce così l'hashtag - un termine usato su twitter che indica un modo per mettere in relazione contenuti simili e persone che parlano degli stessi argomenti - #2eurox10leggi – che fa il tam tam in rete fino ad approdare ad un vero e proprio evento che si terrà a Milano il 17 dicembre presso il Teatro Verga.

Grazie all'iniziativa Produzioni dal Basso la piattaforma di crowdfunding che ha già reso possibile diverse idee progetto come videoreportage di denuncia – è possibile versare due euro a quota che permetteranno di comprare un'intera pagina di un importante quotidiano nazionale dove verranno elencate queste dieci proposte: Legge per il congedo obbligatorio condiviso. Introduzione del concetto di paternità obbligatoria; Legge per la maternità universale. Ovvero ogni donna che sceglie di diventare madre, sia essa single, sposata, lavoratrice dipendente o precaria, deve aver diritto al sussidio di maternità; Legge per la realizzazione di una reale democrazia paritaria. Una legge elettorale che preveda la doppia preferenza di genere e una presenza al 50 per cento nelle liste; Legge contro le dimissioni in bianco e incentivi per una maggiore partecipazione delle donne nel mondo del lavoro e delle professioni (dal part time al telelavoro). Obiettivo: la parità dovunque. Nelle qualifiche e nei salari; Educazione sessuale e di identità di genere fin dalla scuola primaria; Istituzione di una Commissionie che vigili sull'uso dell'immagine femminile nel mondo dei media; Una legge quadro contro la violenza sessuale che comprenda dalla prevenzione alla costituzione di centri di accoglienza delle vittime, fino all'assistenza legale, la punizione e recupero di chi opera violenza. La violenza intesa in tutte le sue manifestazioni, inserendo quindi aggravanti penali contro le ingiurie a sfondo sessista compreso l'uso inappropriato e sessista dell'immagine femminile nei mass media; Leggi per pianificare un sistema di strutture integrate, dai nidi alle ludoteche, che siano di aiuto ai diversi tempi delle famiglie. Che siano compresi quindi nidi e asili di varie dimensioni, aziendali, condominiali e\o di quartiere. Un sistema integrato con orari flessibili e presenza capillare nel territorio; Legge riforma del sistema fiscale che sostenga e agevoli tutti le tipologie di nuclei familiari con figli o con anziani a carico. Rivedere anche la leggi sulle pensioni di reversiblità che ha danneggiato soprattutto le donne; Una legge sul futuro. Provvedimenti per dare maggiore autonomia economica ai giovani e alle giovani. Regolamentare e monitorare, fino al divieto degli stage gratuiti, i contratti d'ingresso dei giovani e delle giovani troppo spesso occasione di sfruttamento; Promuovere a tutti i livelli istituzionali, dai Comuni allo Stato Centrale, il Bilancio di Genere, che consente di ripartire in modo equo e più controllato le risorse a disposizione.Una donna durante una manifestazione

L'obiettivo è di raggiungere entro il 31 dicembre 25mila euro. Una colletta online nata in rete e che sta diventando realtà: “E' nata come una provocazione per stigmatizzare l’anomalia italiana – dice Manuela Ravasio che ha lanciato l'idea - anche chi non ha i soldi per comprarsi una pagina è indignato”. Il riferimento è a Diego Della Valle che comprò un'intera pagina “contro lo spettacolo indecente della politica”. E così la sfida è stata raccolta da donne, ma anche da uomini perché in un paese civile, spiega la Ravasio, “la questione femminile è la madre di tutte le ingiustizie. E dire che riguarda solo noi è riduttivo”.

Per contribuire a #2eurox10leggi 

Il blog #2eurox10leggi

 

2 euro per 10 leggi Una donna durante una manifestazione
 

Seguici anche su...
Ecostiera.it su Google+ Ecostiera.it su Facebook Ecostiera.it su Facebook
Ultime Notizie
Approfondimenti
Pubblicità
Lavoro Campania
 
 
 
 
© 1991 - 2007 Comunicazione e Territori scarl
- Costiera amalfitana (Sa)
ècostiera - Registrazione Tribunale di Salerno n° 793 del 27-02-1991
Impaginazione & grafica
Amore & Vasaturo Srl
Privacy Policy

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Cliccando sul tasto "Agree" acconsenti all’uso dei cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information