You are here
Home > ARCHIVIO > Costiera amalfitana: il progetto di un Distretto agroalimentare di qualità

Costiera amalfitana: il progetto di un Distretto agroalimentare di qualità

Un vitigno a Castel San Lorenzo, Cilento

scritto da ANTONIO DI MARTINO

La candidatura della Costiera amalfitana a Riserva della Biosfera, cui sta lavorando l’associazione Acarbio in sinergia con la Provincia di Salerno, si arricchisce di un altro progetto che prevede la creazione di un Distretto rurale, agroalimentare di qualità e di filiera delle Aree Protette della Provincia di Salerno. Acarbio ha stipulato un protocollo d’intesa con l’Ente per lo Sviluppo Sostenibile ‘I Piccoli Campi srl’ che sta portando avanti l’istituzione dei Distretti Rurali nel salernitano.

Il 15 febbraio, alle ore 15,30 presso l’aula consiliare di Castel San Lorenzo (Parco Nazionale del Cilento), un convegno dal titolo: “Distretti: il Progetto Integrato per un’economia rigenerativa” spiegherà l’intento dell’iniziativa e le prospettive di rilancio economico dell’intero settore. Interverranno il sindaco di Castel San Lorenzo (in rappresentanza degli Enti Pubblici che hanno già aderito al Comitato Promotore per l’istituzione dei Distretti) Gennaro Capo, la rappresentante del Soggetto Promotore e Capofila Ente per lo Sviluppo Sostenibile “I Piccoli Campi Srl” Anna Pina Arcaro, Rosa Pepe del CRA – ORT Pontecagnano, Vincenzo Sannino, presidente Acarbio. Le conclusioni sono affidate all’assessore provinciale all’Agricoltura Mario Miano. I Distretti sono sistemi produttivi associati delle imprese agricole, agroalimentari e del territorio rurale e rappresentano un’opportunità di sviluppo per produzioni certificate e tutelate, per realtà agricole caratterizzate da un’identità storica e territoriale. Sicuramente un’altra occasione da non perdere e da affiancare all’azione della candidatura della Costa d’Amalfi a Riserva Mab Unesco.

Leave a Reply

Top