You are here
Home > ARCHIVIO > Amalfi svecchia la politica. Maiori volta pagina e Positano riconferma

Amalfi svecchia la politica. Maiori volta pagina e Positano riconferma

Sicuramente è tra i sindaci più giovani che la Costiera amalfitana può vantare: Daniele Milano, anno 1984 è il primo cittadino di Amalfi. A Maiori invece cambia lo scenario anche se ritorna un volto noto: Antonio Capone, già amministratore comunale nell’era di Stefano Della Pietra. Netta riconferma invece per Positano che rivota Michele De Lucia con una percentuale del 50,41%.

Se si analizzano i singoli voti, in quasi tutte le compagini la vittoria è stata determinata anche dal traino dei candidati al consiglio comunale.

Bottone il più eletto ad Amalfi: il traino – Ad Amalfi è innegabile che la presenza nella lista Liberi dell’ex assessore provinciale Matteo Bottone, ha reso possibile la vittoria. Perché con i suoi 470 voti, Bottone ha consentito ad un giovane Daniele Milano di battere l’ex sindaco, Antonio De Luca con uno scarto di 249 voti che “senza retorica” come ha tenuto a sottolineare, ha ringraziato chi non l’ha votato: “Li ringrazio dal profondo del cuore: con questo risultato potrò dedicarmi prevalentemente alla mia professione…grazie a tutti i miei concittadini. Auguro ad Amalfi buona fortuna”. E così De Luca ritorna a fare il medico, ma chi lo conosce bene sa che non abbandonerà facilmente il campo. Fuori gioco invece la lista espressione della sezione locale del Pd: Pasquale Buonocore ha raggiunto il 26,14% del quorum con i suoi 891 voti. Le frazioni come Tovere, Vettica, Pogerola, stando ai numeri, hanno determinato anche in questo caso la vittoria del neo sindaco. Nonostante siano sempre le più dimenticate, questa volta la campagna elettorale è stata incentrata anche sui problemi che investono queste realtà, lontane dall’attenzione del centro. E poi in primo piano, finalmente si è parlato di turismo e della destinazione della “tassa di soggiorno”. Daniele Milano su questi aspetti sembra essere molto determinato e con le idee chiare. Anche questo, evidentemente, ha fatto la differenza.

Capone, il ritorno – A Maiori invece ritorna Antonio Capone, già assessore nell’era Stefano Della Pietra. Commerciante, conosce bene la realtà maiorese, tanto che con la sua lista ha “sintetizzato” la nota frammentarietà della cittadina costiera, mettendo fuori gioco la compagine guidata dall’assessore uscente Valentino Fiorillo che aveva preso le redini del sindaco Antonio Della Pietra, ma che nella competizione, con appena 577 voti è risultato ultimo.

Così con 1318 voti, il 36,64% del quorum, Capone si è imposto sul medico Francesco Amato, già sindaco seppure per un anno, che si è fermato a 1006 voti. Il programma di Capone ha due punti fermi: Turismo e lavoro. Ora bisognerà vedere con quali concreti progetti riuscirà a incidere positivamente in questi due settori cardini e non solo per Maiori, e soprattutto come riuscirà a “ricomporre la frattura con le frazioni” così come promesso.

Delusione anche in questa tornata, per l’unica candidata donna sindaco: Lucia Mammato votata da 696 maioresi che così ha spiegato la sua sconfitta: “Purtroppo Maiori non è ancora pronta per un sindaco donna, ma noi continueremo a lavorare nell’interesse della collettività e delle tante persone che ci hanno supportato”.

La più votata in consiglio comunale della lista del neo sindaco Capone, invece, è stata un’altra donna, l’avvocato Chiara Gambardella con 265 preferenze, già conosciuta a livello provinciale per la sua militanza nel centro destra. Da sottolineare comunque la buona presenza femminile e il discreto consenso che hanno anche suscitato in tutte le liste.

Sindaco per due volte, il record – E’ il sindaco uscente Michele De Lucia che ritorna a vincere a Positano staccando l’avversario Luca Vespoli di più di 500 voti. E così la lista L’Alba della Libertà, ha un altro recordman di preferenze: il vice sindaco uscente Fusco Francesco, che risulta essere il più votato con 269 voti. E se i positanesi rivotano per la seconda volta un primo cittadino uscente (è la prima volta che accade) vorrà dire che hanno apprezzato le cose fatte, nonostante tutte le “polemiche” della campagna elettorale. “Ringrazio tutta Positano per la riconfermata fiducia in me e nella mia squadra – sottolinea De Lucia – Continueremo a lavorare compatti con impegno, serietà e devozione per regalare al nostro paese ripetute albe di libertà!”. Delusione invece per il giovane sfidante, Luca Vespoli, che si è fermato a 1082 voti. Il suo slogan “Per una Positano nuova” non è riuscito a rompere l’incantesimo tra i positanesi e De Lucia, nonostante fossero due liste civiche entrambe di ispirazione “moderate”.

I VOTI DELLE LISTE E DEI CANDIDATI 

AMALFI

Daniele Milano, Lista Civica Liberi: 1143 voti 41,82% (8 seggi)

Bottone Matteo: voti 470, De Riso Francesco 151, Stancati Giorgio 151, Amatruda Antonietta 271, Amendola Lorenzo 122, Gargano Francesca 165, Cuomo Ilaria 235, Cobalto Enza 259, Coppola Giusy 114, Oddo Vincenzo 63, Laudano Gianluca 160, Apicella Alfonso 126

Antonio De Luca, Lista Insieme: 1134, 33,27 % (2 seggi)

Torre Giovanni 280, Buonocore Mina 66, Carrano Antonio 127, Consiglio Filomena 140, Di Benedetto Andrea 73, Esposito Amalia 113, Esposito Andrea 176, Lauro Bartolo 80, Lucibello Giovanni 45, Pisacane Maria Colomba 172, Proto Salvatore 76, Suarato Cettina 44.

Pasquale Buonocore, Amalfi 6 tu: 891 voti 26,14% (2 seggi)

Amato Vincenza 79, Amendola Mario 106, Amendola Michele 61, Buonocore Beniamino 91, Bruscaglin Eduardo 139, Carbone Berenice 210, Carrano Andrea 97, Giuliano Iolanda 146, Galoppi Vincenzo 92, Imperato Josè 73, Infante Giuseppe 53, Rinaldi Flavia 57

MAIORI

Antonio Capone Obiettivo Maiori 1318 voti 36,64 % (8 seggi)

Camera Lidia 120 voti, Carrano Amalia 97, Cestaro Marco 204, Cipresso Raffaele 168, Esposito Salvatore 114, Ferrara Generoso 62, Gambardella Chiara 265, Gatto Andrea 203, Landi Bonaventura 69, Milo Antonio 91, Ruggiero Mario 220, Scannapieco Lucia 130

Francesco Amato Città Nuova voti 1006 27,96% (2 seggi)

Accongiagioco Enzo 34 voti, Apicella Clara 123, Boiani Carla 85, Califano Enrico 179, Cavaliere Marcello 59, Ferrigno Maddalena 39, Giordano Luigi Mario 65, Laudano Maria Teresa 187, Paolillo Aldo 60, Russo Pietro Paolo 46, Salerno Gennaro 110, Sorrentino Bonaventura 144

Lucia Mammato Insieme per Maiori 696 voti 19,34% (1 seggio)

Carmosino Maria Assunta 104, Alfieri Andrea 78, Capone Domenico 87, Cioffi Anna 85, Civale Vincenzo 50, Coppola Enrico 71, Crivelli Antonio 55, Giordano Alfonso 36, Migliaccio Enrico 63, Normanno Vincenzo 69, Scannapieco Annamaria 106, Sulla Franca 31

Valentino Fiorillo Civitas 2.0 voti 577 16,04% (1 seggio)

Bella Miriam 109 voti, Brogna Francesco 60, Del Pizzo Francesco 123, Di Lauro Maria Claudia 44, D’Urso Alessio 28, Mattei Lidia 21, Milano Alessandro 29, Pirollo Luigi 72, Piscopo Mario 94, Proto Gaetano 21, Santoriello Mario 20, Scannapieco Trofimena 101.

 

POSITANO

Michele De Lucia, L’Alba della Libertà, voti 1584, 50,41% (8 seggi)

Altobelli Antonio 57, Casola Raffaele 86, Di Leva Antonio 39, Cinque Beatrice 125, D’Urso Beniamino 97, Fusco Francesco 269, Guarracino Raffaele 181, Guida Giuseppe 184, Lucibello Antonino 115, Mandara Anna 86, Palumbo Antonio 91, Savino Maria Grazia 78.

 

Luca Vespoli, Per una Positano nuova, voti 1082, 40,58% (4 seggi)

Attanasio Antonio 86, Cinque Angela 57, Cinque Michele 152, Coccorullo Manuela 89, Cosenza Antonio 59, Cuccaro Antonio 83, Ferrara Antonello 46, Iovieno Antonio 50, Mascolo Francesco Paolo 98, Milano Giuseppe 89, Parlato Crescenzo 48, Rianna Sergio 49.

Leave a Reply

Top