You are here
Home > ARCHIVIO > Amalfi, la mostra di Pietro Scoppetta a 150 anni dalla nascita

Amalfi, la mostra di Pietro Scoppetta a 150 anni dalla nascita

Cartoline pittoriche e musicate, copertine con illustrazioni grafiche per libri di racconti e di novelle per l’infanzia. Ecco in mostra un inedito Pietro Scoppetta nato 150 anni fa ad Amalfi, e riconosciuto dalla critica, ancora oggi, come un grande grafico e illustratore, oltre che pittore. La mostra “A fil di penna. L’arte grafica di Pietro Scoppetta” si terrà fino al 12 gennaio 2014, presso l’Arsenale di Amalfi. Curata da Antonio Porpora Anastasio, musicista di origini amalfitane, grande conoscitore della storia e del percorso artistico di questo artista (il contenuto della mostra fa parte di una sua collezione), è realizzata grazie al Comune di Amalfi e al Centro di Cultura e Storia Amalfitana. Parlare dell’arte di Scoppetta significa anche fare un viaggio nella Belle Epoque e in quel fermento culturale delle illustrazioni per le riviste.

E così ogni pezzo in mostra ha la sua storia, il suo significato fatto di immagini che in un’epoca ancora lontana dalle invenzioni dei pc, assume ancora più valore per la bellezza e la precisione dei contenuti. Con l’ausilio di un touch screen è possibile anche guardare fin nei minimi dettagli i disegni, schizzi, acquerelli, spartiti e “copielle” di Piedigrotta che furono pubblicati fin dal 1883 per le più importanti case editrice, tra cui la Treves di Napoli. 

Scoppetta fu anche poeta. Sotto lo pseudonimo di Pictor Petrus pubblicò nel 1919 a Napoli la raccolta “Ritmi del cuore”. Sfogliando il libricino, ristampato per l’occasione, grazie alla trascrizione e alla revisione di Antonio Porpora Anastasio, si possono leggere versi  d’amore come “Il mio cuore si gonfia, si gonfia, invade tutti gli organi, tutto il mio essere! Io mi sento tutto cuore”. Davvero un inedito e inusuale aspetto dell’artista amalfitano.

Leave a Reply

Top